Lecce

Il fotovoltaico in Puglia: attese e problematiche degli utenti alla luce di revisioni normative, investimenti stranieri, crisi sindacali

Per la comunicazione 2011

Dal 2005 circa il territorio pugliese è stato investito dalla rapida diffusione degli impianti di produzione di energia da fonti alternative. La prima fase è stata quella dell’eolico, seguita dappresso dalla diffusione di campi fotovoltaici, anche di grande estensione. Questo ha generato, dopo una buona accoglienza da parte della popolazione, in attesa di vantaggi economici tangibili, una situazione di media conflittualità a fronte delle promesse disattese. Il caso Tecnova/GSF, della primavera del 2011 che ha visto gli amministratori della società appaltatrice abbandonare l’Italia lasciando 430 lavoratori regolari ed abusivi senza il dovuto pagamento ha fatto alzare il livello del conflitto, specificamente nell’area brindisina. L’intervento è stato volto a comprendere le condizioni di accettabilità da parte dell’opinione pubblica nei confronti dello sviluppo del mercato del fotovoltaico.

desk, qualitativa, quantitativa; 2011 con Digis s.r.l. e Proforma Bari